Edizioni

Remo Sandron

 

Via Fra Giovanni Angelico, 11

50121 Firenze

Tel +39 055 667042

Cell +39 334 2973805

 info@sandron.it

home casa editrice contatti catalogo novità link acquisti
 

Autore

 

Titolo

 

Note

 

Pagine

Rilegatura

Formato

© Copyright

ISBN

Prezzo

Oriano Cucina

 

Ossimoro

 

Foto di copertina di Daniela Speranza

 

64

brossura

cm. 13 x 20

2006

978-88-86204-88-0

€ 12,00

Profilo

In questo diario poetico privo di date e quindi disorganizzato nel suo ordine  cronologico, si delinea per frammenti la trama di una giovinezza dibattuta fra la tentazione dello smarrimento e le conquiste del cuore e del carattere. L’ordine sparso dei testi  ne sottolinea l’autonomia e la spontaneità: la raccolta si caratterizza infatti per una nota di impressionistica immediatezza e un’accentuata informalità stilistica e linguistica che esprimono una sensibilità appassionata ed impulsiva. Il giovane poeta dichiara la qualità “notturna” della sua musa, ossia il suo manifestarsi durante le ore di rasserenante isolamento: circostanza indicativa di come la genesi di questi versi sia fortemente influenzata da un tipico desiderio di distacco contemplativo e chiarificazione interiore. La rappresentazione del proprio mondo affettivo, fra grumi di sofferenza e fiduciosi slanci, è resa però attraverso minimi accenni – anche per certo riserbo dell’esordiente Autore – di suggestiva, lirica indeterminatezza.

Alcune poesie hanno un andamento piuttosto prosastico, altre rivelano una cadenza decisamente musicale; più personale è la sregolatezza formale che si manifesta nell’uso imprevedibile degli accenti e della punteggiatura, nell’ortografia approssimativa delle voci del verbo avere, in alcune parole inventate, in espressioni dialettali e soprattutto in  una sintassi semplificata, a imitazione del parlato, con l’uso frequente di verbi all’infinito preceduti dalla preposizione “a”. Anche grazie agli effetti espressivi di questo insolito repertorio, il libro raggiunge a tratti esiti di aspra o struggente incisività, in particolare nelle poesie i cui versi sembrano come istantanee che isolano successivi momenti del flusso di coscienza. Con le sue felici intuizioni liriche ed espressive, il libro lascia intravedere il segreto contraddittorio di un’anima sospesa fra leggerezza estemporanea e profondità di sentimento.

Se volete leggere alcune poesie di Ossimoro, cliccate qui.