Edizioni

Remo Sandron

 

Via Fra Giovanni Angelico, 11

50121 Firenze

Tel +39 055 667042

Cell +39 334 2973805

 info@sandron.it

home casa editrice contatti catalogo novità link acquisti
 

da Ossimoro di Oriano Cucina

 

Vivo, quasi per amore
chiuso il telefono
ancora il tuo cuore
che batte per me
che batte in me.

M’innamorai di te
di quel tuo neo li, affianco al mento
di quel tuo naso li, per esempio
Ti beverei mentre ti bacio
con i tuoi modi
cosi sicuri trasformi la mia stanza senza muri
trasformi la mia stanza
prato a fiori

senza un bicchiere no
no, proprio no
non ce la fo, bevo e non vedo
bevo e rigetto
mentre t’aspetto
Tu arrivi, testa su di giri
ti prometto
regole sul mio comportamento

 


 

E mi ritrovo qui,
a scrivere
chissà per chi,
forse per te!
che adesso neanche sei con me
Chissà come sarà?
chissà se amore sboccerà!

E poi ricorda
è la prima volta;
attenzione e premura,
il mio IO
anche a me
fa paura.
Fa paura a me stesso
figura TE.

 

 

Sbalzi D’umore

Completi sbalzi D’umore
cosa vuoi che sia
la mia situazione
non ve ne parlo per timidezza
ve la nego per restar sereno

Nella notte dolce e bella
la mia penna scrive sola
Appena all’alba spunta il sole, mi
[prende di punta
mi guarda senza vergogna
mi mette soggezione, timore, timidezza
e la mia penna è piena di stanchezza
è il giorno che dobbiamo vivere
ma la notte a i suoi prò
nessuno ti punta
nessuno ti guarda
e la luna luminosa e scura
Piange lacrime di fortuna.
Piange luce
piange e induce
induce dove
dove chi dorme
non sa sognare

 


 

Sai quante volte
ho voglia di abbracciarti
stringerti nei miei sospiri
baciarti
allo stesso modo amarti

mi manchi da morire
e un sentimento eterno
che vive qua
non apprezzare
quel che si ha
mordersi i gomiti
non arrivare
e capire
lo smarrito

Sarai sempre con me
sarai sempre tu