Edizioni

Remo Sandron

 

Via Fra Giovanni Angelico, 11

50121 Firenze

Tel +39 055 667042

Cell +39 334 2973805

 info@sandron.it

home casa editrice contatti catalogo novità link acquisti
 

da Patch di Sabrina Merenda

 

 

Awo mi spiega il significato del suo nome, prettamente legato alla concezione della vita Yoruba.
Mi dice che è legato al senso profondo della parola “divinazione”, intesa come quell’attività mantica che cerca di scoprire ciò che è sconosciuto e che di sovente non può essere reso noto mediante esperimenti e logica. Mi specifica come nel caso del suo popolo, essa non sia legata a stregonerie ma ad una tecnica di lettura di certi segni naturali o artificiali dai quali si traggono informazioni utili.

– Si cerca di interpretare certi movimenti che ci circondano, come il volo degli uccelli, l’atmosfera e il fluire dei venti, i sogni, in parole semplici si tenta di dare una logica a ciò che solitamente appare casuale. Questa interpretazione porta colui che la espone ad esprimere quello che in latino viene chiamato con il nome di “omina”, pronostici augurali. Ma per noi Yoruba tutto questo non ha senso senza la subordinazione all’osservanza della tradizione. Inizialmente questa tradizione la veicolavamo solo tramite una trasmissione orale dove era fondamentale la presenza di un individuo scelto dal gruppo per divenire l’attore del culto, il profeta nel senso più profondo e ampio del termine.
Oggi, grazie alla scrittura, il ruolo dell’oratore non è più fondamentale se non per permettere la trasmissione di certi valori all’interno di piccole comunità familiari. Oggi, qui ad Ibadan esistono alcuni gruppi di persone che ottusamente portano avanti le loro tradizioni utilizzando e credendo solo nella divulgazione orale, restando più ancorati alla leggenda, alle superstizioni, non facendo entrare nessuno nel loro cerchio; io, come molti altri, stiamo tentando di modernizzare certe tradizioni, di raccontarle basandoci su testi esistenti ma anche su nuove interpretazioni da adeguare a tutti. Riesco a far questo grazie all’appoggio dei parenti e degli amici e forse un giorno grazie agli abiku (bambini) che mi ascoltano.

 

Poi, sorridendo mi specifica come nel linguaggio Yoruba una stessa parola può essere utilizzata per dire moltissime altre cose, ad esempio la frase “Oro awo” che contiene il suo stesso nome, significa “Chiacchierata segreta”, mentre la frase “Opa awo” significa “Muto come un pesce”. Mi viene così da ammorbidirmi subito davanti a questo personaggio emblematico e nel contempo ironico e immediato. Penso a come noi italiani siamo linguisticamente pignoli e superbi nel voler dare ad ogni parola un suo esatto posto e nel non voler mischiare le cose o i significati. Poi però penso al mio nome, Bianca e al mio soprannome, Fiammetta e a come curiosamente assumono significati precisi, poi utilizzati come nomi di persona e scelti per metaforizzare la sensazione legata al nome. Allora per risultare simpatica dico ad Awo:
– Io mi chiamo Bianca, come limpida, schietta, pura e di soprannome gli amici mi chiamano Fiammetta per la striatura color mogano che ho nei capelli e perché quando mi entusiasmo sono euforica, scintillante...